Skip to main content

Hai dunque deciso di intraprendere la tua carriera/passione/hobby come blogger, o semplicemente vuoi aprire un blog per la tua scuola. Qualunque siano le tue motivazioni, questo è l’articolo giusto per districarti nella giungla delle offerte di provider hosting che si trovano sul web.

La maggior parte di questi servizi li ho provati personalmente, altri sono di rinomata fama e affidabilità. Ma partiamo dall’inizio, di cosa hai bisogno per aprire un blog/sito?

Hosting

L’hosting non è altro che lo spazio web, che un fornitore (provider) ti mette al disposizione per ospitare il tuo sito/blog. Infatti, ogni sito deve essere ospitato su un qualche server per essere reperibile online.

 

Dominio

Il dominio è il nome, o meglio l’indirizzo, del tuo sito web. A seconda della soluzione che sceglierai, puoi usufruire di un dominio gratuito (del tipo tuodominio.wordpress.com) o uno personalizzato a pagamento (es. tuodominio.it).

 

Quindi ora sai di cosa hai bisogno, ma se provi a fare una ricerca di un hosting sul web potresti essere sopraffatto dal dubbio e soprattutto chiederti perché i prezzi possano essere così differenti per lo stesso servizio. Io ho avuto modo di provare differenti fornitori, ma voglio partire da quello che ho scelto per il mio blog personale, e del quale mi ritengo pienamente soddisfatto in termini di prestazioni e facilità dell’interfaccia.

Siteground

Se hai bisogno di un hosting veloce, affidabile e facile da usare, SiteGround è probabilmente la scelta migliore e quello con il miglior rapporto qualità/prezzo.

Dedicherò un intero articolo su come iscriverti, acquistare il dominio e partire con il tuo sito su SiteGround e sul perché ho deciso di passare a questo servizio dopo averne provati altri, per ora ti rimando alla pagina italiana del servizio, così che tu possa farti un’idea, ti basta cliccare sul banner seguente per essere indirizzato alla pagina del servizio, solitamente a prezzo scontato:

WordPress.com

La seconda opzione che ti propongo è una delle più famose al mondo, perciò dedicherò anche ad essa un articolo a parte per illustrarti come attivarla. WordPress.com è infatti la piattaforma di hosting gestita da Automattic,  gli inventori dell’editor di siti web più usato al mondo, WordPress.

Innanzitutto, mi preme chiarirti un dubbio che attanaglia gran parte degli utenti che si accostano a WordPress, ossia la differenza tra lo spazio gestito da WordPress.com e l’editor di siti web WordPress.org, utilizzabile anche su altri hosting come SiteGround.

WordPress.org è la versione opensource del programma, scaricabile e installabile su molti hosting ed è altamente personalizzabile grazie all’utilizzo dei plugin, sia gratuiti che a pagamento.

WordPress.com, invece, è un servizio che oltre alla possibilità di utilizzare l’editor WordPress per costruire il tuo sito, ti permette di acquistare un dominio e lo spazio per ospitare il tuo sito web (hosting). Offre diversi piani a seconda delle tue esigenze ma per quanto riguarda i plugin, però, questi sono installabili soltanto a partire dal piano Business, che è consigliato solo per le attività online. Andrò più nel dettaglio nell’articolo dedicato, in questa sede mi preme sottolineare che WordPress.com permette di avere anche un sito in maniera completamente gratuita, con l’estensione nomedeltuosito.wordpress.com non personalizzabile e la pubblicità su di esso. Benché non ottimale, è un ottima soluzione se sei all’inizio e vuoi sperimentare prima di passare ad un piano a pagamento o a un hosting gestito, potrai sempre esportare i tuoi contenuti verso una nuova sede.

Maggiori informazioni sulla differenza tra WordPress.org e WordPress.com qui.

In conclusione

Ci sono tanti servizi online per iniziare a costruire il tuo sito, e tanti hosting anche italiani come Aruba, Aziende Italia, in quest’articolo ti ho consigliato delle soluzioni da me (e tanti altri) sperimentate e affidabili per iniziare.

In generale, se non hai esperienza, puoi iniziare con la versione gratuita di WordPress.com, mentre se hai anche un minimo di dimestichezza o hai voglia e un po’ di tempo (ne basta davvero poco) per leggere qualche guida, puoi passare direttamente ad una soluzione di hosting come SiteGround, che offre un’opzione di WordPress gestito:

Continua a seguirmi, a breve le guide su come configurare entrambi i servizi!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: